Gruppo Colombo Immobiliare S.r.l. è al servizio del cliente con una consulenza legale gratuita per tutte le problematiche di tipo legale legate al rischio amianto negli immobili.

Il nostro team di avvocati online è specializzato nel risarcimento e indennizzi legati alle malattie amianto correlate e si occupa da decenni della difesa legale degli esposti. Ti accompagna anche negli adempimenti degli obblighi di legge legati alla presenza di amianto negli immobili (normativa, obblighi di proprietario, reponsabili e amministratore di condominio, comunicazioni e certificazioni) nonché durante la bonifica amianto dei vostri immobili.

Consulenza legale: Amianto nelle case

L’amianto è un minerale, o meglio un insieme di minerali, caratterizzati da una elevata capacità di suddividersi in fibre longitudinali e via via più sottili. Queste fibre si disperdono nell’ambiente e sono facilmente inalabili. Una volta inalate causano l’insorgere di gravi fenomeni infiammatori che possono evolvere in asbestosi, mesotieliomi e altri tipi di cancro, spesso ad esito infausto.

L’asbesto nelle case, dagli anni 50 e fino alla messa al bando del minerale, è stato utilizzato nell’edilizia: nelle tegole, soffitti, pareti divisorie, tetti e coperture, cemento armato, fioriere e tubature. Per caratteristiche ignifughe del minerale è stato inoltre utilizzato nella produzione di oggetti di uso comune che si possono trovare in casa come  asciugacapelli, forni, stufe, tendaggi, teli da stiro, filtri per sigarette e persino in alcuni giocattoli, come la sabbia artificiale dei giochi per bambini, nelle solette delle scarpe e in alcuni preparati farmaceutici.

Rischio amianto

Proteggersi dall’esposizione alle fibre di amianto è di primaria importanza per la nostra salute. L’unico sistema per garantire un rischio amianto pari a 0 è quello della non esposizione, che si traduce nella necessità di bonificare gli ambienti degli edifici dall’amianto.

Esistono diversi tipi di bonifica. La bonifica con conferimento in discarica dei materiali di amianto è la più efficace nella riduzione del rischio amianto ma anche la più costosa e più problematica dal punto di vista della sicurezza durante il processo di rimozione e smaltimento. La bonifica per confinamento è efficace nella riduzione del rischio amianto a 0, a meno che si verifichino eventi traumatici gravi, come un terremoto. La bonifica per incapsulamento è la più economica e sicura da portare a termine ma la sua efficacia nella riduzione del rischio decresce con il passare del tempo. Il materiale che incapsula i manufatti in amianto perde con il tempo la sua capacità legante e quindi la sua capacità di impedire alle fibre di amianto di disperdersi nell’ambiente.

Normativa e bonifica

La Legge 257 del 1992 (Norme relative alla cessazione dell’impiego dell’amianto killer) vietava l’estrazione e commercializzazione dei materiali di amianto, ma non impediva l’utilizzo dei manufatti in amianto già esistenti. Il mancato obbligo di bonifica è alla base dei ritardi nella bonifica sul suolo italiano e causa di una esposizione ad oggi ancora elevata.

Secondo la normativa i proprietari o i responsabili degli edifici in cui è presente l’amianto hanno l’obbligo comunicare alle autorità sanitarie (ASL) la presenza del manufatto contenente asbesto friabile o del presunto sito contaminato (l. 27 marzo 1992, n. 257). Nel caso di omessa comunicazione la sanzione amministrativa è di oltre 2.000 euro). Nel caso in cui l’asbesto presente nell’edificio sia compatto non vi è l’obbligo di comunicazione ma è necessario fare un sopralluogo tecnico per una valutazione del rischio amianto.

La bonifica negli edifici privati è in tutti i casi un onere che grava esclusivamente sui proprietari (Comune e Asl non sono tenuti infatti ad effettuare i sopralluoghi).

Amianto nelle fabbriche

Non solo case, ma anche fabbriche e capannoni, dove l’amianto è presente in diverse forme e applicazioni, tra cui il tristemente noto Eternit, la lastra piana o ondulata che copre tettoie e capannoni e che ha un aspetto particolarmente riconoscibile. L’amianto può essere tuttora presente nelle fabbriche in tutti quei macchinari, caldaie, forni, mezzi di trasporto e apparecchi in cui le proprietà ignifughe dell’asbesto risultarono utili a migliorare l’efficienza del prodotto.

Consulenza rischio amianto negli immobili

Quali sono gli obbligli del proprietario di fabbriche e capannoni? Quali sono gli adempimenti di legge a carico di proprietari e amministratori condominiali? In quali casi è necessario un sopralluogo tecnico? Cosa fare nel caso in cui sia un vicino di casa a possedere una tettoia in Eternit? Gruppo Colombo Immobiliare S.r.l Vi aiuta in tutti i casi di rischio amianto.

Consulenza e assistenza legale sono gratuite in fase legale, giudiziale e stragiudiziale. Qui trovate tutte le informazioni per una consulenza amianto gratuita e per la consulenza legale.

Contattaci per avere maggiori informazioni e per fissare un appuntamento.